Investment

Fertilizzanti: transizione energetica ed AI

by Giacomo Calef

Fertilizzanti: transizione energetica ed AI

ll mercato globale dei fertilizzanti è stato valutato circa 160 miliardi di dollari lo scorso anno e si prevede che crescerà a un tasso del 3,8% su base annua, raggiungendo un valore di 200 miliardi di dollari entro il 2025. Tuttavia negli ultimi mesi tale mercato sta affrontando una serie di sfide, tra cui la scarsità di materie prime necessarie per la produzione dei fertilizzanti e l’innalzamento dei prezzi dei beni energetici. I prezzi dell’ammoniaca, dell’azoto, dei fosfati e del potassio, i componenti dei fertilizzanti chimici, sono aumentati del 30% da inizio anno e ora superano quelli visti durante la crisi del 2008. Inoltre si ricordi che per produrre ammoniaca è necessario il gas, la cui offerta risulta essere decisamente ridotta a causa di una Russia ostile. Ad esempio nel 2022 Yara, uno dei leader mondiali del comparto, ha prodotto il 15% in meno di ammoniaca in Europa rispetto allo scorso anno e ha appena annunciato che ridurrà ulteriormente la propria produzione in Europa. La soluzione all’innalzamento di questi prezzi potrebbe essere l’utilizzo dell’ammoniaca “verde”, derivata dall’elettrolisi dell’idrogeno prodotto da risorse rinnovabili e che condurrebbe anche ad un’energia più pulita; aiutando di fatto la transizione energetica. Di seguito le principali aziende di produzione di fertilizzanti (per capitalizzazione di mercato):

Oggi tale mercato “nutre” circa il 50% della popolazione mondiale, ma a causa di un’agricoltura che sta diventando sempre più efficiente, la domanda di fertilizzanti è in rallentamento. L’agricoltura è infatti chiamata a essere più sostenibile, in grado cioè di ridurre il proprio impatto ambientale, limitando innanzitutto l’impiego di fertilizzanti e pesticidi. Per ottimizzare il loro utilizzo, la tecnologia è di grande aiuto: si fa sempre più strada l’agricoltura di precisione e, in questo senso, l’impiego di tecniche di Intelligenza Artificiale. La già menzionata Yara infatti, sta utilizzando l’intelligenza artificiale per realizzare prodotti per la protezione delle colture, per garantire la biodiversità e per mantenere il suolo sano, catturando il carbonio e riducendo le emissioni di gas serra. L’Intelligenza Artificiale cambierà radicalmente il modo di gestire i terreni e di ottimizzare le produzioni grazie alla sua capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici, tenendo in considerazione diversi fattori tra cui il tempo di semina, il meteo e le condizioni del suolo. In conclusione, il mercato dei fertilizzanti, in rapida espansione e con molte opportunità di crescita, potrebbe avvicinarci verso un mondo più sostenibile, grazie anche all’intelligenza artificiale e machine learning.

 

Fonti: Statista, Bloomberg, Hydrogen.news

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 30.09.2022

  1. Panoramica macro
  2. Fertilizzanti: transizione energetica ed AI
  3. Italia, è il momento di preoccuparsi?

 

 

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento. Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo NS Partners o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi. I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.  Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio. Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© NS Partners Group

Return to listing
back to
the top
Your browser is not supported. Please use another browser.